Omaggio ad Agnès Varda

Una voce unica nel coro nouvelle vague, prima regista donna a ricevere un Oscar alla carriera. Nata fotografa, Varda per oltre settant’anni ha girato film con lo stesso contagioso piacere, senza distinzioni tra generi, formati, durate, fiction o verité. Un cinema in prima persona, singolare, fatto di di luoghi, di strade, di attese, lo sguardo che si fa all’occorrenza femminista e sociale, senza perdere in libertà poetica. Una grande signora del cinema che negli anni ha portato sullo schermo i volti, le vite, i pensieri di tante altre donne, sempre ascoltando la loro ‘voce’ e la propria volontà di autrice, senza cedimenti a nessun vincolo esterno.

 

VARDA PAR AGNÈS

(Francia/2019) di Agnès Varda (115′)
“Nel 1994, in coincidenza con una retrospettiva alla Cinémathèque française, ho pubblicato un libro intitolato Varda par Agnès. Venticinque anni dopo, lo stesso titolo viene dato al mio film fatto di immagini in movimento e di parole. Il progetto è lo stesso: fornire le chiavi della mia opera. Il film si divide in due parti, una per secolo. Il Ventesimo secolo va dal mio primo lungometraggio La Pointe courte nel 1954 all’ultimo del 1996, Cento e una notte). Nel mezzo ho girato documentari, film, sia lunghi che brevi. La seconda parte inizia nel Ventunesimo secolo, quando le piccole cineprese digitali hanno cambiato il mio approccio al documentario, da Les Glaneurs et la glaneuse nel 2000 a Visages, Villages diretto con JR nel 2017. Ma in quel periodo ho creato soprattutto installazioni d’arte, i Triptyques atypiques, le Cabanes de Cinéma, e ho continuato a fare documentari, come Les Plages d’Agnès. Tra le due parti c’è un piccolo promemoria della mia prima vita di fotografa. […] Potremmo chiamarla ‘lezione magistrale’, ma non mi sento una maestra e non ho mai insegnato. Non mi piace l’idea. Non volevo farne una cosa noiosa. Così si svolge in un teatro pieno di gente, o in un giardino, e cerco di essere me stessa e di trasmettere l’energia o l’intenzione o il sentimento che voglio condividere. È quello che chiamo ‘cinescrittura’, in cui le scelte partecipano a qualcosa che si chiama ‘stile’”. (Agnès Varda)

CLÉO DALLE 5 ALLE 7

(Cléo de cinq à sept, Francia/1962) di Agnès Varda (85′)
Due ore di tempo (quasi) reale per conoscere Cléo, graziosa, capricciosa, narcisista chanteuse parigina, una convinta che “essere brutte è come essere morte”. Alla vera mortalità la confronta l’attesa di un responso radiologico, mentre una Parigi-verité le scorre intorno. Risposta matura, e femminile, ai tanti ritratti di donna godardiana.

DAGUERRÉOTYPES

(Francia-RFT/1976) di Agnès Varda (80′)
Agnès, insieme alla figlia Rosalie, esce in strada e filma. La strada è Rue Daguerre, nel 14° arrondissement, dove ha abitato per cinquant’anni. La sua cinepresa interroga le vite di bottega, i negozianti della via, cerca e trova la concreta poesia delle baguettes croccanti, delle bistecche fresche di taglio, delle stoffe cucite a mano. Intanto ascolta storie, che sono talora storie di migrazioni, di gente che ha cercato e trovato un posto nel mondo. Sì, se ci aspettiamo il fascino di una Parigi che non c’è più, l’attesa è ripagata. Senza dimenticare che questo è “uno dei grandi documentari moderni, che ha fondato un nuovo genere, l’antropologia dell’affetto” (Richard Brody, “The New Yorker”).


SALUT LES CUBAINS

(Francia-Cuba/1963) di Agnès Varda (30′)
Documentario, fotografia, temi politici e sociali, la donna, il ricordo. Salut le cubains è un dinamico e gioioso montaggio a ritmo di cha-cha-cha di foto scattate all’indomani della rivoluzione castrista. Commento di Michel Piccoli.


RÉPONSE DE FEMMES

(Francia/1975) di Agnès Varda (8′)
Antenne 2 chiede a sette registe di rispondere in sette minuti alla domanda: “Che cos’è una donna?”. Agnès Varda risponde con un ciné-tract: alcune donne discutono di sesso, desiderio, pubblicità e bambini (averne o non averne). Una donna nuda e incinta che danza e ride a squarciagola suscitò allora proteste scritte di alcuni telespettatori.

-
Your rating:
Not rated yet!

Director: 
Stars: 

Photos

No images were imported for this movie.

Storyline


Genres:

Details

Official Website: 

Box Office

Company Credits

Production Companies: 

Technical Specs

Fellini 100

Ricorre il centenario della nascita di uno degli autori più celebrati della storia del cinema mondiale, Federico Fellini. Per l’occasione la Cineteca di Bologna, in collaborazione con CSC – Cineteca Nazionale e Istituto Luce-Cinecittà, riporta nelle sale italiane cinque suoi capolavori in versione restaurata.

 

LO SCEICCO BIANCO
(Italia/1952, 85′)
Restaurato da Cineteca di Bologna in collaborazione con RTI-Mediaset e Infinity presso il laboratorio L’Immagine Ritrovata


I VITELLONI

(Italia/1953, 104′)
Restaurato da CSC – Cineteca Nazionale e Istituto Luce – Cinecittà


LA DOLCE VITA

(Italia-Francia/1960, 180′)
Restaurato da Cineteca di Bologna in associazione con The Film Foundation, CSC – Cineteca Nazionale, Pathé, Fondation Jérôme Seydoux-Pathé, Mediaset e Medusa Film, Paramount Pictures e Cinecittà Luce. Con il sostegno di Gucci e The Film Foundation



(Italia/1963, 138′)
Restaurato da CSC – Cineteca Nazionale e Istituto Luce – Cinecittà in collaborazione con RTI-Mediaset


AMARCORD

(Italia-Francia/1974, 127′)
Restaurato da Cineteca di Bologna con il sostegno di yoox.com e il contributo del Comune di Rimini. In collaborazione con Cristaldifilm
Precede Amarcord Fellini (8′), un montaggio di provini, tagli e doppi di Amarcord curato da Giuseppe Tornatore

-
Your rating:
Not rated yet!

Director: 
Stars: 

Photos

No images were imported for this movie.

Storyline


Genres:

Details

Official Website: 

Box Office

Company Credits

Production Companies: 

Technical Specs

I vitelloni

I vitelloni (1953)

T 103 min - Commedia, Dramma - 26 Agosto 1953
Your rating:
Not rated yet!

La storia ruota attorno ad un gruppo di cinque giovani uomini tra i 20 ed i 30 anni nella piccola cittadina di Rimini tra la bella vita dell'Italia ricostruita, luci notturne, donne, vacanze, automobili. I cinque sono tutti single, disoccupati e mantenuti. Ma tutto è destinato a cambiare quando l'asprezza della vita si paleserà loro sotto forma di una famiglia allargata stanca di portarseli appresso, tra alti e bassi i cinque verranno catapultati nella vita vera, con tutto quel che ne consegue nel bene e nel male.

Director:  Federico Fellini
Stars:  Franco Interlenghi, Alberto Sordi, Franco Fabrizi, Leopoldo Trieste, Riccardo Fellini, Leonora Ruffo, Jean Brochard, Claude Farell, Carlo Romano, Enrico Viarisio, Paola Borboni, Lída Baarová, Arlette Sauvage, Vira Silenti, Maja Niles, Achille Majeroni, Guido Martufi, Silvio Bagolini, Milvia Chianelli, Enzo Andronico, Riccardo Cucciolla, Gustavo De Nardo, Graziella De Roc, Giovanna Galli, Franca Gandolfi, Lilia Landi, Gigetta Morano, Lino Toffolo, Gondrano Trucchi

Photos

Storyline

La storia ruota attorno ad un gruppo di cinque giovani uomini tra i 20 ed i 30 anni nella piccola cittadina di Rimini tra la bella vita dell'Italia ricostruita, luci notturne, donne, vacanze, automobili. I cinque sono tutti single, disoccupati e mantenuti. Ma tutto è destinato a cambiare quando l'asprezza della vita si paleserà loro sotto forma di una famiglia allargata stanca di portarseli appresso, tra alti e bassi i cinque verranno catapultati nella vita vera, con tutto quel che ne consegue nel bene e nel male.



Genres: Commedia, Dramma

Details

Official Website: 
Country:   Italy France
Language:  Italian
Release Date:  26 Agosto 1953

Box Office

Company Credits

Production Companies:  Cité Films, Peg-Films

Technical Specs

Runtime:  1 h 43 min

La dolce vita

La dolce vita (1960)

VM14 174 min - Commedia, Dramma - 5 Febbraio 1960
Your rating:
Not rated yet!

A Roma, in pieno giorno, compare nel cielo una statua di Gesù Cristo trasportata da un elicottero. La visione suscita l'interesse di gran parte della popolazione, dai ragazzi delle periferie alle ricche signore degli attici del centro storico, e un cronista, Marcello Rubini, ne approfitta per far immortalare le scene dai suoi amici fotografi e dal fedele fotoreporter d'assalto Paparazzo.

Director:  Federico Fellini
Stars:  Marcello Mastroianni, Anita Ekberg, Anouk Aimée, Yvonne Furneaux, Magali Noël, Alain Cuny, Annibale Ninchi, Walter Santesso, Valeria Ciangottini, Riccardo Garrone, Ida Galli, Lex Barker, Nadia Gray, Jacques Sernas, Polidor, Laura Betti, Nico, Alain Dijon, Audrey McDonald, Mino Doro, Giulio Girola, Domino, Carlo Musto, Enzo Cerusico, Giulio Paradisi, Enzo Doria, Enrico Glori, Adriana Moneta, Massimo Busetti, Gabriella Andreini, Oretta Fiume, Harriet Medin, Cesarino Miceli Picardi, Gianfranco Mingozzi, Umberto Orsini, Adriano Celentano, Franca Pasut, Archie Savage, Giò Stajano, Liana Orfei, Maria Teresa Vianello, Alberto Plebani

Photos

Storyline

A Roma, in pieno giorno, compare nel cielo una statua di Gesù Cristo trasportata da un elicottero. La visione suscita l'interesse di gran parte della popolazione, dai ragazzi delle periferie alle ricche signore degli attici del centro storico, e un cronista, Marcello Rubini, ne approfitta per far immortalare le scene dai suoi amici fotografi e dal fedele fotoreporter d'assalto Paparazzo.



Genres: Commedia, Dramma

Details

Official Website: 
Country:   France Italy
Language:  German, English, French, Italian
Release Date:  5 Febbraio 1960

Box Office

Revenue:  $19.516.000

Company Credits

Technical Specs

Runtime:  2 h 54 min

(1963)

T 138 min - Fantasy, Dramma - 14 Febbraio 1963
Your rating:
Not rated yet!

In crisi esistenziale e creativa, alle prese con un film da fare, un regista fa una sorta di mobilitazione generale di emozioni, affetti, ricordi, sogni, complessi, bugie. Un misto tra una sgangherata seduta psicanalitica e un disordinato esame di coscienza in un'atmosfera da limbo (F. Fellini). La masturbazione di un genio (D. Buzzati). Una tappa avanzata nella storia della forma romanzesca (A. Arbasino). Una costruzione in abisso a tre stadi (C. Metz). Un Ben Hur del cinema d'avanguardia. Il tentativo di un autoritratto in forma fantastica. Il diario di bordo di un autore. Il rapporto su un ingorgo esistenziale. Un film sulla confusione e sul disordine della vita. Uno dei massimi contributi a quel rinnovamento dei modi espressivi e alla rottura della drammaturgia tradizionale che ebbero luogo nel cinema a cavallo tra gli anni '50 e i '60, rinnovamento che Fellini aveva già cominciato con La dolce vita.

Director:  Federico Fellini
Stars:  Marcello Mastroianni, Claudia Cardinale, Anouk Aimée, Sandra Milo, Rossella Falk, Barbara Steele, Madeleine Lebeau, Caterina Boratto, Eddra Gale, Guido Alberti, Mario Conocchia, Bruno Agostini, Cesarino Miceli Picardi, Jean Rougeul, Mario Pisu, Yvonne Casadei, Ian Dallas, Mino Doro, Nadia Sanders, Georgia Simmons, Edy Vessel, Tito Masini, Annie Gorassini, Rossella Como, Mark Herron, Marisa Colomber, Neil Robinson, Elisabetta Catalano, Eugene Walter, Hazel Rogers, Gilda Dahlberg, Mario Tarchetti, Mary Indovino, Frazier Rippy, Francesco Rigamonti, Giulio Paradisi, Marco Gemini, Giuditta Rissone, Annibale Ninchi, Dina De Santis, Eva Gioia, Maria Tedeschi, Antonio Acqua, Giulio Calì, Franco Caracciolo, Olimpia Cavalli, Sonia Gessner

Photos

Storyline

In crisi esistenziale e creativa, alle prese con un film da fare, un regista fa una sorta di mobilitazione generale di emozioni, affetti, ricordi, sogni, complessi, bugie. Un misto tra una sgangherata seduta psicanalitica e un disordinato esame di coscienza in un'atmosfera da limbo (F. Fellini). La masturbazione di un genio (D. Buzzati). Una tappa avanzata nella storia della forma romanzesca (A. Arbasino). Una costruzione in abisso a tre stadi (C. Metz). Un Ben Hur del cinema d'avanguardia. Il tentativo di un autoritratto in forma fantastica. Il diario di bordo di un autore. Il rapporto su un ingorgo esistenziale. Un film sulla confusione e sul disordine della vita. Uno dei massimi contributi a quel rinnovamento dei modi espressivi e alla rottura della drammaturgia tradizionale che ebbero luogo nel cinema a cavallo tra gli anni '50 e i '60, rinnovamento che Fellini aveva già cominciato con La dolce vita.



Genres: Fantasy, Dramma

Details

Official Website: 
Country:   Italy France
Language:  German, English, French, Italian
Release Date:  14 Febbraio 1963

Box Office

Company Credits

Production Companies:  Cineriz, Francinex

Technical Specs

Runtime:  2 h 18 min

Amarcord

Amarcord (1973)

T 123 min - Commedia, Dramma - 13 Dicembre 1973
Your rating:
Not rated yet!

La vicenda, ambientata dall'inizio della primavera del 1932 all'inizio della primavera del 1933 (riferimento certo visto la corsa della VII edizione della Mille Miglia), in una Rimini onirica ricostruita a Cinecittà, come la ricordava Fellini in sogno, narra la vita nell'antico borgo (o e' borg, come a Rimini conoscono il quartiere di San Giuliano) e dei suoi più o meno particolari abitanti: le feste paesane, le adunate del "Sabato fascista", la scuola, i signori di città, i negozianti, il suonatore cieco, la donna procace ma un po' attempata alla ricerca di un marito, il venditore ambulante, il matto, l'avvocato, quella che va con tutti, la tabaccaia dalle forme giunoniche, i professori di liceo, i fascisti, gli antifascisti e il magico conte di Lovignano, ma soprattutto i giovani del paese; adolescenti presi da una prepotente "esplosione sessuale".

Director:  Federico Fellini
Stars:  Bruno Zanin, Armando Brancia, Pupella Maggio, Giuseppe Ianigro, Nando Orfei, Stefano Proietti, Magali Noël, Gianfranco Marrocco, Antonino Faà di Bruno, Donatella Gambini, Fernando De Felice, Bruno Lenzi, Bruno Scagnetti, Alvaro Vitali, Ciccio Ingrassia, Francesco Vona, Aristide Caporale, Luigi Rossi, Gennaro Ombra, Domenico Pertica, Ferruccio Brembilla, Marcello Di Falco, Antonio Spaccatini, Maria Antonietta Beluzzi, Josiane Tanzilli, Gianfilippo Carcano, Mauro Misul, Ferdinando Villella

Photos

Storyline

La vicenda, ambientata dall'inizio della primavera del 1932 all'inizio della primavera del 1933 (riferimento certo visto la corsa della VII edizione della Mille Miglia), in una Rimini onirica ricostruita a Cinecittà, come la ricordava Fellini in sogno, narra la vita nell'antico borgo (o e' borg, come a Rimini conoscono il quartiere di San Giuliano) e dei suoi più o meno particolari abitanti: le feste paesane, le adunate del "Sabato fascista", la scuola, i signori di città, i negozianti, il suonatore cieco, la donna procace ma un po' attempata alla ricerca di un marito, il venditore ambulante, il matto, l'avvocato, quella che va con tutti, la tabaccaia dalle forme giunoniche, i professori di liceo, i fascisti, gli antifascisti e il magico conte di Lovignano, ma soprattutto i giovani del paese; adolescenti presi da una prepotente "esplosione sessuale".



Genres: Commedia, Dramma

Details

Official Website: 
Country:   Italy
Language:  Greek, Italian
Release Date:  13 Dicembre 1973

Box Office

Company Credits

Production Companies:  PECF, F.C. Produzioni

Technical Specs

Runtime:  2 h 03 min

Freaks

Poster for the movie "Freaks"

Freaks (1932)

64 min - Dramma, Horror - 12 Febbraio 1932
Your rating:
Not rated yet!

Tra gli artisti di un circo che ha tra le sue attrazioni esseri bizzarri e deformi, nascono relazioni amorose. Il nano Hans è innamorato della bella Cleopatra, una donna "normale" e avvenente, che lavora nel medesimo circo come trapezista. In realtà, la trapezista è interessata solo al denaro di Hans e progetta con il suo amante, il forzuto del circo, Ercole, di ucciderlo per godersene l'eredità.

Director:  Tod Browning
Stars:  Wallace Ford, Leila Hyams, Olga Baclanova, Roscoe Ates, Henry Victor, Harry Earles, Daisy Earles, Schlitzie, Angelo Rossitto, Jerry Austin, Daisy Hilton, Rose Dione, Violet Hilton, Johnny Eck, Frances O'Connor, Josephine Joseph, Olga Roderick, Peter Robinson, Prince Randian, Koo Koo, Elvira Snow, Jenny Lee Snow, Martha Morris

Photos

No images were imported for this movie.

Storyline

Tra gli artisti di un circo che ha tra le sue attrazioni esseri bizzarri e deformi, nascono relazioni amorose. Il nano Hans è innamorato della bella Cleopatra, una donna "normale" e avvenente, che lavora nel medesimo circo come trapezista. In realtà, la trapezista è interessata solo al denaro di Hans e progetta con il suo amante, il forzuto del circo, Ercole, di ucciderlo per godersene l'eredità.



Genres: Dramma, Horror

Details

Official Website: 
Language:  English, French, German
Release Date:  12 Febbraio 1932

Box Office

Budget:  $310.607

Company Credits

Production Companies:  Metro-Goldwyn-Mayer

Technical Specs

Runtime:  1 h 04 min

La donna che visse due volte

La donna che visse due volte (1958)

VM14 128 min - Mistero, Romance, Thriller - 9 Maggio 1958
Your rating:
Not rated yet!

A causa delle sue vertigini, l'agente Ferguson è a riposo per non aver impedito un incidente mortale a un collega. Un amico gli chiede di sorvegliare sua moglie, che ha manie suicide. Di fronte a Ferguson, paralizzato dalle vertigini, la donna si butta da un campanile, o almeno così crede il povero agente. Ma un giorno un incontro casuale rimette tutto in gioco.

Director:  Alfred Hitchcock
Stars:  James Stewart, Kim Novak, Barbara Bel Geddes, Tom Helmore, Henry Jones, Raymond Bailey, Ellen Corby, Konstantin Shayne, Lee Patrick, Bess Flowers

Photos

Storyline

A causa delle sue vertigini, l'agente Ferguson è a riposo per non aver impedito un incidente mortale a un collega. Un amico gli chiede di sorvegliare sua moglie, che ha manie suicide. Di fronte a Ferguson, paralizzato dalle vertigini, la donna si butta da un campanile, o almeno così crede il povero agente. Ma un giorno un incontro casuale rimette tutto in gioco.



Genres: Mistero, Romance, Thriller

Details

Official Website: 
Language:  English
Release Date:  9 Maggio 1958

Box Office

Budget:  $2.479.000
Revenue:  $28.000.000

Company Credits

Production Companies:  Paramount, Alfred J. Hitchcock Productions

Technical Specs

Runtime:  2 h 08 min

The Irishman

Venerdì 15 novembre        ore 20.00
Sabato 16 novembre          ore 20.00
Domenica 17 novembre    ore 17.30
Lunedì 18 novembre          ore 18.00
Martedì 19 novembre        ore 20.00
Mercoledì 20 novembre   ore 17.30

In lin​gua origin​ale​ (ING​LESE), sottotitoli in IT

Poster for the movie "The Irishman"

The Irishman (2019)

209 min - Dramma, Crime - 1 Novembre 2019
Your rating:
Not rated yet!

Frank Sheeran è un sicario della mafia e veterano della seconda guerra mondiale che sviluppa le sue abilità da esecutore criminale durante il suo servizio in Italia. Diventato vecchio, Sheeran riflette sugli eventi che hanno definito la sua carriera di sicario, in particolare il ruolo che ha avuto nella scomparsa del leader sindacale Jimmy Hoffa, suo amico di vecchia data, e del suo coinvolgimento con la famiglia criminale Bufalino.

Director:  Martin Scorsese
Stars:  Robert De Niro, Al Pacino, Joe Pesci, Harvey Keitel, Bobby Cannavale, Ray Romano, Stephen Graham, Kathrine Narducci, J.C. MacKenzie, Craig Vincent, Anna Paquin, Gary Basaraba, Jesse Plemons, Jack Huston, Domenick Lombardozzi, India Ennenga, Joseph Russo, Aly Mang, John Cenatiempo, Larry Romano, Sebastian Maniscalco, Rebecca Faulkenberry, Stephanie Kurtzuba, Robert Funaro, Veronica Alicino, Jeremy Luke, Natasha Romanova, Doris McCarthy, Louis Cancelmi, George Katt, John Scurti, Liz Celeste, Welker White, Kevin O'Rourke, Bo Dietl, Ashley North, Claudette Lalí, Kevin Kane, Alex Ziwak, Kenneth Carrella, Jennifer Mudge, Jessica VanOss, Paul Borghese, Frank Modica, Kelly P. Williams, Mike Massimino, Josephine Velez, James Lorinz, Erika Smith, Salvatore DiSanto, Saskia Slaaf, Jim Coniglione, Brent Costantino, Danny A. Abeckaser, Scotty Atkins, Arthur Hiou, Tom Rhoads, Lauren Aparicio, Robert C. Kirk, Jessica Carollo, Gino Cafarelli, David Wenzel, Patrick Gallo, Jarrod LaBine, Clark Carmichael, Siena Marino, Ron Castellano, Joseph Oliveira, Vincent Riviezzo, Anne Horak, Thomas Bencivenga, Bill Timoney, Frances Mignano, Frank Amoruso, Kerry McGann, Samuel Difiore, Thomas E. Sullivan, James Ciccone, Rob Tunstall, Melody Krell, Anthony Welch, Dominick LaRuffa Jr., Scott Eliasoph, Erick Zamora, Cliff Moylan, Matteo Borgomanero, Richard V. Licata, Franco Quartuccio, Al Linea, Patrick Borriello, Gregory Cioffi, John Antorino, Jamie Mattus, Cilda Shaur, Gage Maynard, Emilie Cantante, Gina Lerario, Steve Garfanti, Kevin D. McGee, John Polce, Jason Liebman, Thomas D. Weaver, Michael Romeo Ruocco, Matthew F. O'Connor, Rebecca Merle, John Cashin, Tommy Bayiokos, Albert Kobrovsky, Steven Van Zandt

Photos

No images were imported for this movie.

Storyline

Frank Sheeran è un sicario della mafia e veterano della seconda guerra mondiale che sviluppa le sue abilità da esecutore criminale durante il suo servizio in Italia. Diventato vecchio, Sheeran riflette sugli eventi che hanno definito la sua carriera di sicario, in particolare il ruolo che ha avuto nella scomparsa del leader sindacale Jimmy Hoffa, suo amico di vecchia data, e del suo coinvolgimento con la famiglia criminale Bufalino.



Genres: Dramma, Crime

Details

Language:  English
Release Date:  1 Novembre 2019

Box Office

Budget:  $159.000.000

Company Credits

Production Companies:  Tribeca Productions, Sikelia Productions

Technical Specs

Runtime:  3 h 29 min

Il dottor Stranamore – Ovvero: come ho imparato a non preoccuparmi e ad amare la bomba

Poster for the movie ""

Il dottor Stranamore - Ovvero: come ho imparato a non preoccuparmi e ad amare la bomba (1964)

95 min - Dramma, Commedia, Guerra - 29 Gennaio 1964
Your rating:
Not rated yet!

(Dr. Strangelove or: How I Learned to Stop Worrying and Love the Bomb, GB/1964) di Stanley Kubrick Soggetto: dal romanzo Red Alert di Peter George. Sceneggiatura: Stanley Kubrick, Peter George, Terry Southern. Fotografia: Gilbert Taylor. Montaggio: Anthony Harvey. Scenografia: Ken Adam, Peter Murton. Musica: Laurie Johnson. Interpreti: Peter Sellers (Dr. Stranamore/presidente Merkin Muffley/capitano di drappello Lionel Mandrake). George C. Scott (generale 'Buck' Turgidson), Sterling Hayden (generale Jack D. Ripper), Keenan Wynn (colonnello 'Bat' Guano), Slim Pickens (maggiore T.J. 'King Kong'), James Earl Jones (luogotenente Lothar Zogg), Peter Bull (ambasciatore russo Alexi De Sadesky),Tracy Reed (signora Scott), Jack Creley (signor Staines). Produzione: Stanley Kubrick per Hawk Films Ltd. Durata: 96’ La fine del mondo in epoca atomica: nella sala da guerra del Pentagono (scenografie di Ken Adam), o a cavalcioni d'una bomba. Doveva essere un film serio: follie individuali, errori nel sistema di comunicazione e dispositivi segreti di reazione 'preventiva' rendono possibile l'annientamento termonucleare dell'umanità. Ma nella strada che porta alla morte, troppa vodka, troppa Coca-Cola, troppi missili fallici, troppi fluidi vitali repressi. E troppi, troppi Peter Sellers. Kubrick ce la mette tutta per ritardare l'esplosione, ma alla fine scoppia a ridere (e pare che nel film lo si possa sentire). L'atto di nascita del cinema demenziale. "Con il suo senso del grottesco, Kubrick mette in evidenza la pulsione di morte che governa la società, così come l’uomo. E l’abisso che separa lo sviluppo tecnologico dalla natura umana. Realizzato due anni dopo la crisi dei missili di Cuba, che stava per fare scoppiare una guerra atomica, il film ha la precisione implacabile di un meccanismo a orologeria e l’originale libertà che gli conferiscono i suoi interpreti. In particolare Peter Sellers, nel triplice ruolo di presidente americano, di ufficiale britannico e di scienziato tedesco". (Michel Ciment)

Director:  Stanley Kubrick
Stars:  Peter Sellers, George C. Scott, Sterling Hayden, Keenan Wynn, Slim Pickens, Peter Bull, James Earl Jones, Tracy Reed, Jack Creley, Frank Berry, Robert O'Neill, Glenn Beck, Roy Stephens, Shane Rimmer, Hal Galili, Paul Tamarin, Laurence Herder, John McCarthy, Gordon Tanner, Burnell Tucker, Victor Harrington

Photos

Storyline

(Dr. Strangelove or: How I Learned to Stop Worrying and Love the Bomb, GB/1964) di Stanley Kubrick Soggetto: dal romanzo Red Alert di Peter George. Sceneggiatura: Stanley Kubrick, Peter George, Terry Southern. Fotografia: Gilbert Taylor. Montaggio: Anthony Harvey. Scenografia: Ken Adam, Peter Murton. Musica: Laurie Johnson. Interpreti: Peter Sellers (Dr. Stranamore/presidente Merkin Muffley/capitano di drappello Lionel Mandrake). George C. Scott (generale 'Buck' Turgidson), Sterling Hayden (generale Jack D. Ripper), Keenan Wynn (colonnello 'Bat' Guano), Slim Pickens (maggiore T.J. 'King Kong'), James Earl Jones (luogotenente Lothar Zogg), Peter Bull (ambasciatore russo Alexi De Sadesky),Tracy Reed (signora Scott), Jack Creley (signor Staines). Produzione: Stanley Kubrick per Hawk Films Ltd. Durata: 96’ La fine del mondo in epoca atomica: nella sala da guerra del Pentagono (scenografie di Ken Adam), o a cavalcioni d'una bomba. Doveva essere un film serio: follie individuali, errori nel sistema di comunicazione e dispositivi segreti di reazione 'preventiva' rendono possibile l'annientamento termonucleare dell'umanità. Ma nella strada che porta alla morte, troppa vodka, troppa Coca-Cola, troppi missili fallici, troppi fluidi vitali repressi. E troppi, troppi Peter Sellers. Kubrick ce la mette tutta per ritardare l'esplosione, ma alla fine scoppia a ridere (e pare che nel film lo si possa sentire). L'atto di nascita del cinema demenziale. "Con il suo senso del grottesco, Kubrick mette in evidenza la pulsione di morte che governa la società, così come l’uomo. E l’abisso che separa lo sviluppo tecnologico dalla natura umana. Realizzato due anni dopo la crisi dei missili di Cuba, che stava per fare scoppiare una guerra atomica, il film ha la precisione implacabile di un meccanismo a orologeria e l’originale libertà che gli conferiscono i suoi interpreti. In particolare Peter Sellers, nel triplice ruolo di presidente americano, di ufficiale britannico e di scienziato tedesco". (Michel Ciment)



Genres: Dramma, Commedia, Guerra

Details

Official Website: 
Language:  English
Release Date:  29 Gennaio 1964

Box Office

Budget:  $1.800.000
Revenue:  $9.440.272

Company Credits

Production Companies:  Hawk Films, Columbia Pictures

Technical Specs

Runtime:  1 h 35 min